x

x

La peste bubbonica, nota anche come peste nera, è tornata a far parlare di sé. Un residente della contea di Deschutes, nell'Oregon, è stato diagnosticato con questa malattia infettiva, che può essere fatale se non trattata. Si sospetta che il contagio sia avvenuto tramite il suo gatto, che potrebbe aver contratto il batterio da una pulce infetta.

Cos'è la peste bubbonica e come si manifesta

Peste bubbonica

La peste bubbonica è causata dal batterio Yersinia pestis, che si diffonde attraverso il morso di pulci infette o il contatto con animali malati. I sintomi principali sono febbre, brividi, mal di testa e ingrossamento dei linfonodi, soprattutto all'inguine, alle ascelle e al collo. Se non curata, la malattia può provocare gravi complicazioni, come setticemia, meningite e polmonite.

Quanto è diffusa e come si previene

La peste bubbonica è una malattia rara, soprattutto nei Paesi sviluppati, dove si registrano pochi casi all'anno. Negli Stati Uniti, la maggior parte dei casi si verifica in alcune aree rurali del sud-ovest, dove vivono roditori e altri animali selvatici che possono ospitare le pulci infette. Per prevenire la malattia, è importante evitare il contatto con animali sconosciuti o malati, proteggere i propri animali domestici con prodotti antiparassitari e segnalare tempestivamente eventuali sintomi sospetti.

Qual è la situazione del paziente e delle persone a contatto

Il paziente affetto da peste bubbonica è attualmente ricoverato in ospedale, dove riceve le cure appropriate. Le autorità sanitarie hanno contattato tutte le persone che sono state in stretto contatto con lui e con il suo gatto, e hanno fornito loro dei farmaci per prevenire il rischio di infezione. Il dottor Richard Fawcett, ufficiale sanitario della contea di Deschutes, ha dichiarato: "Stiamo monitorando la situazione e non ci sono motivi di allarme per la salute pubblica".

LEGGI ALTRO

www.monza-news.it, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano. Autorizzazione n. 693/21092005 Direttore responsabile: Stefano Peduzzi. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. Privacy - Cookie

Powered by Slyvi