x

x

Atalanta ko contro l'Az Alkmaar, furia Gasperini: 'Zapata non doveva calciare il rigore, stampa è dannosa per i nostri obiettivi'

L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini ha parlato alla stampa dopo il ko amichevole contro l'AZ Alkmaar. “Le mie scelte sono completamente diverse da quelle che leggo, per me l’unico obiettivo non è quello di andare in Europa, se è così io sono contrario. L’Atalanta ha fatto plusvalenze enormi facendo risultati contro squadre indebitate, incassando tanto e stando al vertice, questa è stata la cosa straordinaria. Oggi per me l’Atalanta non è una squadra che può dire di andare in Europa o in Champions. Poi io farò di tutto per raggiungere un obiettivo. Qui ci sono troppe cose che distolgono da quella che è la reale dimensione dell’Atalanta, che deve continuare a valorizzare i giocatori. Quest’anno è passato come un fallimento, quando è stato il 6° miglior campionato. Sorvolo sugli episodi, in cui nessuno ha difeso la squadra. Quest’anno siamo stati per 10 giornate nei primi 2 posti. Il livello di polemica è troppo alto e difficile da sopportare: fa solo male alla squadra, non all’allenatore. Io devo rispettare i valori in spogliatoio. Questa è la garanzia per la gente. Se poi possiamo fare qualcosa, la faremo: vincere, raggiungere traguardi. Ma fomentare situazioni dentro lo spogliatoio è pericoloso e a gennaio il pericolo che succeda è molto alto. Zapata? Lo avevo visto molto bene negli ultimi allenamenti. Il rigore è stato un segnale di voler forzare qualcosa, c’erano in campo i rigoristi Muriel e Koopmeiners, voler calciare è un segnale di pressione che non va bene. Io non la sento, penso si debba giocare con sentimento e carattere, rispettare i valori di questo ambiente. La squadra fatica a recuperare palla e non abbiamo forza fisica, ma siamo compatti e possiamo sopperire. Ma se non c’è questo si soffre contro le squadre tecniche, bisogna avere un grande spirito. Il mercato? Non mi aspetto regali. Il regalo è recuperare uno spirito buono, avere una bella compattezza. Si parla un po' troppo di risultati e obiettivi, ma questa squadra non può dare obiettivi, deve giocare le sue partite. Ci sono difficoltà, tante gare le abbiamo giocate molto bene ma soprattutto dobbiamo avere lo spirito giusto".