x

x

Stregherie | Incontro con la scrittrice Ilaria Simeone e Gioco La Sfida con Moreno Pollastri | Doppio appuntamento domenica 20 novembre alla Villa Reale

Scritto da Sandro Coppola  | 

Caterina Medici, Isotta Stella e Maria Bartoletti sono tre donne che, in tre secoli ed in tre luoghi diversi, sono state accusate di stregoneria e torturate dalla Santa Inquisizione sino alla morte, per impiccagione o sul rogo. A raccontarcene le storie è il libro “Streghe. Le eroine dello scandalo”, edito da Neri Pozza e scritto da Ilaria Simeone, che domenica 20 novembre sarà alla Villa Reale di Monza alle 11.00, ospite degli eventi collaterali alla mostra Stregherie. Fatti, scandali e verità sulle sovversive della storia, curata da Luca Scarlini e in corso sino al 26 febbraio 2023 nel Belvedere della Villa. Nel 1587 a Triora, nella Podesteria della Repubblica di Genova, si aprì uno dei più appassionanti processi italiani alle streghe. Le imputate erano trentacinque e le tre magistrature coinvolte, in un procedimento che durò tre anni, portarono, con un’inedita ferocia persecutoria, a distruggere un’intera comunità. Agli inizi del secolo successivo, nel 1616, Caterina Medici viveva nel Ducato di Milano e Mantova e lì fu accusata di aver maleficiato il nobile senatore Luigi Melzi. In una sorta di processo privato, tutto interno al palazzo milanese, Caterina, rea confessa, fu impiccata e poi bruciata. Esattamente 100 anni dopo, nel 1716, a Brentonico, uno dei quattro vicariati del Trentino, Maria Bertoletti, detta la Toldina, venne accusata di stregoneria, processata nel foro penale laico e condannata al rogo. Oggi, 300 ani, dopo, il Comune trentino ha richiesto l’apertura del procedimento. Le vicende di queste donne vengono narrate dalla giornalista Ilaria Simeone avviando una vera e propria inchiesta, analizzando i dati d’archivio e scavando nelle vicende storiche dei vari periodi. Il risultato è un’opera che non è un romanzo storico, ma nemmeno un libro di fantasia. Le procedure descritte sono autentiche sin nei dettagli più crudi perché lo scopo del volume, riuscitissimo, è quello di scandalizzare il lettore, così come all’epoca si riteneva scandalizzassero le vittime di questi terribili processi. Dopo la presentazione del libro, l’autrice risponderà alle domande del pubblico e firmerà le copie dei lettori. Sempre nella giornata di domenica, dalle 15.00 alle 20.00, torna in mostra Moreno Pollastri, l’ideatore del gioco “Stregherie. La sfida”, realizzato appositamente per la mostra e illustrato da Marga Biazzi. Pollastri, ormai noto agli affezionati di Vertigo Syndrome col nome di “Mopollas”, è autore e ideatore di giochi da tavolo e di ruolo, mentre Marga “BlackBanshee” Biazzi è un'illustratrice e fumettista, attiva dal 2000. Collabora con le case editrici italiane ed estere, in qualità di illustratrice per l'infanzia, e dal 2014 è entrata nel mondo delle fiere dei fumetti, proponendo le sue auto produzioni. Nel 2019 è uscito uno dei suoi titoli più noti, PICCOLE BALLATE CRUDELI, per Shockdom. Nel gioco “Stregherie. La sfida” Diana, la regina delle streghe, ha trasmesso, attraverso sua figlia Aradia, il sapere della vecchia religione alle donne del popolo, spiegando loro come compiere scongiuri per vendicarsi delle oppressioni subite. Oggi, nel giorno sacro alla Luna, le streghe più potenti si sono riunite per sfidarsi e scoprire chi sarà la prescelta a cui Aradia svelerà il segreto della Magia! Moreno Pollastri guiderà le sfide, i giocatori per ogni partita, che durerà 30 minuti, possono essere da 2 a 5. Entrambi gli incontri sono ad ingresso libero per i possessori del biglietto della mostra, valido per la giornata in corso, ma occorre comunque prenotarsi scrivendo alla mail [email protected]. Gli appuntamenti proseguiranno con cadenza settimanale sino a febbraio. Ecco i prossimi: sabato 26, alle 11, il Collettivo Debitum Naturae parlerà del rapporto che unisce, dal passato più lontano ai giorni nostri, le donne, l’arte macabra e la caccia alle streghe, domenica 3 dicembre invece, alle 17.00, Serena Fioramonti, nota   su Instagram come Strega Medea, terrà l’incontro “La strega nelle serie tv con Strega Medea”.   Ogni settimana dunque, una nuova occasione per venire a visitare la mostra Stregherie. Fatti, scandali e verità sulle sovversive della storia, ideata e prodotta da Vertigo Syndrome, con il patrocinio del Comune di Monza, che espone Stampe antiche da una collezione unica al mondo, quella di Guglielmo Invernizzi, che raccoglie incisori dai toni cupi come Dürer o Goya e artisti dai colori morbidi come Delacroix, ma anche edizioni antiche di trattati di magia bianca e nera. Completano il percorso manifesti cinematografici originali a tema ed amuleti, feticci e altri strumenti rituali provenienti dall’incredibile museo della stregoneria di Boscastle, in Cornovaglia.   INFORMAZIONI STREGHERIE Fatti, scandali e verità sulle sovversive della storia Monza, Belvedere della Villa Reale (viale Brianza 1) 29 ottobre 2022 – 26 febbraio 2023 Orari Giovedì e Venerdì 10,30 – 18,30 Sabato e domenica 10,30 – 20,00 Biglietti Intero € 15,00 | Ridotto € 13,00 (possessori biglietto Villa Reale; fino a 18 anni e sopra i 65; fino ai 26 anni ridotto a 13,00 il giovedì) Gratuito fino ai 6 anni | Ridotto speciale Scuole 6,00 | Ridotto bambini dai 6 ai 12 anni 6,00 foto e fonte integrale: [email protected]