x

x

Le pagelle di Monza - Sassuolo 1-1: Caprari e Pessina i migliori, male Birindelli. Palladino azzecca ancora i cambi!

Scritto da Riccardo Cervi  | 
Gianluca Caprari

Di seguito le pagelle integrali di Monza - Sassuolo a cura di Riccardo Cervi:

Di Gregorio 6: incolpevole sulla rete subìta, per il resto non risultano situazioni in cui viene chiamato in causa.


Marlon 5.5: non una prima frazione facile per il difensore brasiliano, che si trova spesso in difficoltà di fronte alle sfuriate di Laurientè. Viene infatti sostituito a fine primo tempo (dal 46' P. Marì 6.5: il suo ingresso dà maggiori sicurezze alla squadra, non sbaglia una giocata e nell'uno contro uno è insuperabile).


Caldirola 6: partita attenta senza particolari sbavature, sebbene nella prima frazione sembri faticare nell'affrontare Berardi (dal 71' Gytkjaer s.v.)


Izzo 6.5: ha forse qualche responsabilità sulla rete di Ferrari, su cui si perde l'uomo in marcatura, ma per il resto risulta impeccabile, nonostante il Sassuolo attacchi con convinzione e pericolosità.


Birindelli 5: non bastano atletismo e corsa per strappare una sufficienza. Fa fatica in fase difensiva, mentre appare molto impreciso quando impegnato in proiezione offensiva. Prestazione da dimenticare per l'ex Pisa (dal 46' Colpani 6: prova a creare insidie alla difesa neroverde, spesso ci riesce).


Machin 6.5: gestisce il pallone con una classe sopraffina, confermandosi un jolly a cui attingere in diverse occasioni. Molto bravo nelle verticalizzazione che portano a una serie di situazioni pericolose.


Pessina 7: prestazione da vero e proprio professore in mezzo al campo. Il suo tocco e la sua intelligenza tattica sono letteralmente essenziali per questa squadra, e si conferma sempre più capitano di questa compagine. Vitale.


C. Augusto 6: solita partita fatta di tanta corsa e spinta per il terzino brasiiano, che si fa costantemente vedere dalle parti di Pegolo, fornendo potenziali assist ai propri compagni. Attento anche in fase difensiva, nonostante la presenza di Berardi gli crei qualche apprensione.


Ciurria 6.5: tanta corsa e impegno per il Fante, che perde qualcosa in termini di precisione e incisività. Nonostante questo rimane sempre tra i più vivaci di questo Monza, una vera e propria garanzia.


Caprari 7: tocca moltissimi palloni e sembra tutto un altro giocatore rispetto a quello visto poche settimane fa. Gestisce il pallone con maestria e dialoga alla perfezione con i propri compagni. La rete? Poco da dire, un capolavoro come se ne vedono pochi. Tiro a giro che va a baciare il palo e si spegne alle spalle di Pegolo (dall'80' Valoti s.v.).


Petagna 6.5: gioca quasi sempre spalle alla porta, ma lo fa davvero molto bene, coprendo la palla in modo egregio e facendo salire bene la squadra. Non ha, però, occasioni da rete, e questa non è certamente colpa sua (dal 46' Mota 6.5: il suo ingresso dà sicuramente una svolta al match, la sua rapidità mette in grossa difficoltà i difensori emiliani).

All. Palladino 6.5: stravolge la squadra al termine della prima frazione, e anora una volta ha tutte le ragioni del mondo, a dimostrazione del livello qualitativo che questo allenatore garantisce alla società. La squadra, dopo un primo tempo di difficoltà, risponde nella ripresa con un'altra grande prestazione, schiacciando il Sassuolo e trovando il pareggio con l'eurogol di Caprari.

Arbitro sig. Prontera 5: molta confusione nella gestione dei cartellini, che appaiono spesso assegnati senza un chiaro criterio. Manca, al 90', un rigore per fallo su Ciurria.