x

x

Giovanni Porcella
Giovanni Porcella

Dopo la pesante sconfitta in casa contro la Roma, il Monza riparte in trasferta contro il Genoa di Alberto Gilardino. Tre sono i punti che separano le squadre e la voglia di riscatto sarà da parte di entrambe, vista la sconfitta dei liguri nel posticipo contro l’Inter. Chissà se gli uomini di Palladino saranno in grado di conquistare punti preziosi al Ferraris. In occasione dell’anticipo abbiamo intervistato Giovanni Porcella, giornalista classe 1963 che ha lavorato per il Corriere Mercantile, Il Lavoro e a Repubblica nella redazione bolognese. Rientrato a Genova inizia a scrivere per il Giornale fino all’approdo a Primocanale, emittente televisiva italiana che trasmette da Genova in tutta la Liguria.

Porcella
Giovanni Porcella

Giovanni ci stiamo avvicinando agli ultimi mesi di campionato. Se osservi la classifica che considerazioni generali ti senti di fare? C’è qualche squadra che ti ha deluso e qualcuna che ti ha sorpreso?

È sicuramente un campionato molto competitivo dove l’Inter chiaramente è una spanna sopra a tutti e lo ha dimostrato benissimo in questa stagione. Dalla Juventus ci si aspettava qualcosa in più come dal Napoli. Il Genoa da neopromosso sta facendo bene dopo anni un po’ difficili e naturalmente il Monza si sta confermando dopo la buonissima stagione passata. Altre due realtà altrettanto positive solo in Frosinone e il Lecce che stanno apportando aspetti molto innovativi per il nostro calcio, quindi credo in sostanza che sia davvero una buona Serie A. Se dovessi scegliere comunque la squadra che più mi ha deluso sceglierei il Napoli perché dopo lo scudetto dello scorso anno ci si aspettava di più; mentre per quanto riguarda la vera sorpresa direi il Bologna, allenato da Thiago Motta, ex calciatore non solo dell’Inter ma anche del Genoa. È un allenatore intelligente oltre che preparato e vedere questo salto in classifica inizialmente era davvero inaspettato.

 

Parliamo del Genoa: a settembre ti saresti aspettato questo posizionamento? Sono state rispettate le aspettative o ti aspettavi qualcosa di più?

No assolutamente, mi reputo soddisfatto perché non era facile fare così bene dopo la promozione. Gilardino rappresenta una scommessa che ha portato e sta portando tuttora i suoi frutti ma dopo la prima gara persa in casa 4 a 1 contro la Fiorentina le premesse non erano le migliori. Invece il Genoa è quasi salvo e sta disputando davvero un’ottima stagione.

Cosa ti è piaciuto di questa squadra e cosa invece pensi si debba ancora migliorare?

Sicuramente il gruppo è davvero unito e non è una cosa che si vede così frequentemente, c’è una grande unità d’intenti associata a un pubblico veramente straordinario e non lo dico perché sono di parte.  Dopo la vicenda di Preziosi, conclusa nel 2021, l’ambiente è davvero tornato sereno e unito, si respira un’aria davvero tranquilla. Oltre a questi aspetti non dimentichiamo che il Genoa ha giocatori di qualità, anche a livello internazionale, che fanno sicuramente la differenza quando scendono in campo.

Parliamo del prossimo avversario, il Monza, ormai da due anni in Serie A: cosa ne pensi del lavoro svolto in questo biennio dalla società? Cosa pensi di Palladino e della rosa dei giocatori?

È chiaro che Galliani è un uomo che ne sa più di tutti di calcio e l’ha dimostrato la sua grande carriera al Milan, per cui è normale vedere questa passione che ci sta mettendo in questo progetto. Palladino è un volto nuovo delle panchine italiane, come lo stesso Gilardino e lo conosco molto bene: è una persona molto intelligente oltre che seria che sicuramente è in grado di dare qualcosa in più ad una squadra, sia da un punto di vista tattico che motivazionale. È sempre difficile ripetere una stagione così straordinaria come quella dello scorso anno ma è anche vero che quest’anno i risultati si stanno vedendo lo stesso. Un aspetto interessante del Monza è sicuramente dettato dal fatto che, oltre ad avere una società e un allenatore competente, dimostra di avere giocatori italiani di livello, cosa molto utile e importante per la Nazionale e per Spalletti. 

Che partita ti aspetti di vedere tra Genoa e Monza?

Entrambe le squadre vogliono chiudere il discorso salvezza quanto prima per cui sarà una partita combattuta. È chiaro che il Genoa non avrà un calendario facilissimo e questa può essere l’occasione giusta per guadagnare punti importanti. Sicuramente farà di tutto per vincere soprattutto dopo la sconfitta all’ultimo minuto nella gara di andata che brucia ancora; inoltre, dopo i torti subìti lunedì sera contro l’Inter, mi aspetto un clima un po' infuocato.

Come vedere Monza una città da serie A ogni lunedì 

Monza una città da serie A”, la trasmissione prodotta da Monza-News e condotta dal nostro direttore Stefano Peduzzi, tornerà come ogni settimana lunedì prossimo. La trasmissione andrà in diretta dalle ore 21 sul canale 110 in Lombardia sul digitale terrestre, in tutta Italia e in tutta Europa su Sky sul canale 890 e in streaming ovunque sui canali di Facebook di Monza-News, sul nostro canale Youtube, su Instagram, su Twitch e sui canali Linkedin del nostro direttore. A breve sarà comunicato l'elenco degli ospiti in studio.  

Come commentare i temi di Monza una città da serie A 

Ma come commentare i temi trattati durante la trasmissione di “Monza una città da serie A”? E' molto semplice: basta collegarsi alla pagina Facebook di Monza-News o sul canale Youtube del nostro giornale e scrivere la propria opinione durante la trasmissione prodotta dal nostro sito e condotta dal nostro direttore Stefano Peduzzi. Non è possibile, almeno per il momento, commentare la diretta su Instagram. Per ospitare la trasmissione nel proprio locale o nella propria azienda è necessario mandare una mail a: [email protected] 

 

www.monza-news.it, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano. Autorizzazione n. 693/21092005 Direttore responsabile: Stefano Peduzzi. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. Privacy - Cookie

Powered by Slyvi