x

x

Max Verstappen in azione
Max Verstappen in azione

Ci avevano creduto per quindici giri i tifosi della rossa. La vittoria nel Gran Premio d’Italia di Formula 1 sembrava alla portata di Carlos Sainz, scattato molto bene al semaforo verde e transitato davanti a tutti dopo la prima curva. Per quindici giri è riuscito a mantenere alle spalle Max Verstappen, che già al sesto giro aveva rischiato di toccarsi con Sainz e per alcuni giri era rimasto dietro alla rossa ad attendere. Ci è voluto un errore alla prima variante dello spagnolo che, uscito male dalla chicane è stato affiancato dall’olandese ed ha perso la leadership della corsa. Una volta davanti a tutti, per Verstappen è stato un gioco da ragazzi prendere margine e, una volta effettuata la sosta, è tornato agevolmente in testa nel momento che anche Sainz, Leclerc, Perez, Norris ed Hamilton hanno effettuato il pit stop.

Dietro a Verstappen è risalito Sergio Perez, che prima ha superato Leclerc e dopo Sainz, non senza difficoltà: entrambi i piloti della Ferrari hanno provato ad opporsi, ma la Red Bull del messicano, grazie al DRS, è riuscita nei sorpassi.

In un gran premio privo di emozioni, ci hanno pensato i due ferraristi ad animare la corsa. Leclerc ha cercato da metà gara di superare il compagno, ma anche se a favore di DRS, non c’è riuscito. Negli ultimi giri la lotta si è fatta serrata, con Leclerc all’attacco ad ogni staccata. Il monegasco ci ha provato più volte, arrivando a ruote fumanti alla prima variante e rischiando di tamponare il compagno proprio all’ultimo giro. Alla fine le posizioni sono remaste immutate, con lo spagnolo sul podio, in terza posizione, e Leclerc quarto.

In quinta piazza è giunto Russell, davanti al compagno Lewis Hamilton, ad Alexander Albon con la Williams, a Lando  Norris su McLaren, poi l’Aston Martin di Alonso mentre in decima posizione si è piazzato Valtteri Bottas.

Foto by: Maurizio Rigato

www.monza-news.it, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano. Autorizzazione n. 693/21092005 Direttore responsabile: Stefano Peduzzi. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. Privacy - Cookie

Powered by Slyvi