x

x

Il Parco di Monza come protagonista di numerosi film italiani e internazionali

Scritto da Antonio Sorrentino  | 

Il Parco di Monza e il complesso monumentale della Villa Reale sono stati scelti numerose volte come location di film, fiction televisive e per la realizzazione di campagne pubblicitarie. Il primo film, risale addirittura al 1896 e fu girato dai fratelli Lumière. Nel lungo catalogo di corti degli inventori del cinema, rientra, di fatti, un corto intitolato Il re e la regina d’Italia, dove si mostrano i sovrani Umberto I e Margherita di Savoia scendere le scale della Reggia e salire su un calesse. Oltre a essere stato il primo di una lunga serie di film a essere girati nel parco, si ritiene che fu il primo film in assoluto ad aver ricevuto il ciak sul suolo italiano. Un battesimo avvenuto in grande stile, insomma, segnato da una inclinazione naturale a set cinematografico, che il parco, insieme alla Villa Reale, ha coltivato negli anni a venire e che ancora oggi dimostra potenziale per pellicole contemporanee. I film girati al parco di Monza sono davvero tantissimi. Mastroianni, Celentano, Pozzetto, Henry Fonda, Faye Dunaway e Aldo, Giovanni e Giacomo, sono solo alcuni degli attori che hanno girato scene tra il verde del parco, nelle eleganti stanze della reggia o sull’asfalto ardente dell’Autodromo. Il percorso per scoprire i luoghi che hanno fatto da set a film leggendari Partendo dall’ingresso principale della Villa Reale, si trova la fontana dell’avancorte in cui si tuffa involontariamente Celentano in seguito a uno schianto con la vespa nel film Mani di velluto (1979). Proseguendo all’interno della villa, si può ammirare, invece, il Salotto della Regina Margherita in cui si svolge una scena di Mussolini ultimo atto (1974). Tappa d’obbligo nei Giardini Reali, nelle vicine rive del Lambro, per risalire il Portale Neogotico e ripercorrere i passi di Beethoven nel film diretto da Franco Battiato Musikanten (2005). Nella vicina Torretta, invece, si può scorgere l’ambientazione spaventosa di Frankenstein oltre le frontiere del tempo (1990), a cui venne aggiunto un rosone che ritroviamo ancora oggi sulla struttura. Continuando il percorso, si passa per viale Mirabello, per poi raggiungere Villa Mirabellino, candidata come luogo del cuore dal Fai di recente. La villa si erge alle spalle dell’ormai scomparso ippodromo del Mirabello, noto per il divertente film Asso (1981), con protagonista Adriano Celentano. Un film che vede altre scene girate alla Villa Reale di Monza e che è perfetto per gli amanti di poker e gioco d’azzardo in generale. E a tal proposito, oltre a dover assolutamente vedere Asso, gli appassionati di casinò dovrebbero anche dare un’occhiata ai bonus giri gratis proposti da piattaforme indipendenti come VSO, sito che consiglia i migliori giochi, i bonus più interessanti e i casinò online più sicuri per i giocatori italiani. I bonus giri gratis sono ideali per chi vuole scoprire nuove slot machine senza metter mano al proprio portafogli e per diventare un vero e proprio “asso” delle slot online. Negli stessi luoghi di Asso, viene ripreso il giardino fiabesco de La banda dei Babbi Natale, (2010), film commedia del trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo. Di fronte, oltre il viale dei Carpini, troviamo villa Mirabello in cui torna ancora una volta Celentano, insieme a Pozzetto, per il film Lui è peggio di me (1985). Proseguendo per Villa Litta, è possibile ammirare i luoghi che hanno dato vita ad alcune scene del capolavoro di Vittorio De Sica, Il giardino dei Finzi Contini (1970). Il vicino Autodromo, oltre ad essere stato di ispirazione per l’ambientazione del lungometraggio di animazione Cars 2 (2010), è anche una delle location maggiormente usate. Lo ritroviamo nel film in bianco e nero L’ultimo incontro (1951), in Gran Prix (1966), come sfondo durante l’incontro tra Mastroianni e Faye Dunaway in Amanti (1968), nel coinvolgente Delitto in Formula Uno (1984) e nel più recente Veloce come il vento (2016). La varietà del paesaggio, la bellezza naturale del parco, la nobiltà della Reggia e dei Palazzi, nonché uno dei circuiti di Formula 1 più famosi al mondo, continuano a destare l’interesse delle produzioni cinematografiche nazionali e internazionali. Per gli amanti del cinema in visita in Brianza, rientra quindi, tra le tappe obbligatorie assolutamente da non perdere. FONTE FOTO UNSPLASH.COM